V.A. Serov - Il Ratto di Europa

FEDERICO CASOLARI, L’Ucraina e la (difficile) prospettiva europea

SOMMARIO: 1. La domanda di adesione dell’Ucraina all’Unione e le reazioni manifestate dagli Stati membri e dalle istituzioni europee. – 2. Gli ostacoli ad un’adesione accelerata (o istantanea). In particolare: la necessità di una mutua assistenza tra gli Stati membri ed il presupposto della mutua fiducia tra di essi. – 3. La realizzazione della prospettiva europea dell’Ucraina: alcune considerazioni interlocutorie.

Leggi »

LUCA TERMINIELLO, La sentenza Sped-Pro c. Commissione: sull’importanza del rispetto dello Stato di diritto per la tenuta del sistema di applicazione delle regole antitrust dell’Unione

SOMMARIO: 1. Introduzione. Le ragioni di interesse della sentenza del Tribunale SpedPro c. Commissione. – 2. I fatti di causa. – 3.a. Gli snodi principali del ragionamento del Tribunale: La Commissione non ha violato il principio del termine ragionevole… – 3.b. … non ha nemmeno commesso errori manifesti di valutazione in relazione all’interesse dell’Unione a proseguire l’esame della denuncia. – 3.c. … ma ha commesso un errore manifesto di valutazione e non ha correttamente motivato in punto di esistenza di un rischio reale di violazione dei diritti del denunciante come conseguenza del rigetto della sua denuncia. – 4. Qualche riflessione a margine del racconto della sentenza.

Leggi »

JACOPO ALBERTI, Il Regolamento condizionalità è pienamente legittimo e, Ucraina permettendo, certamente attivabile. Prime riflessioni sulle sentenze della Corte di giustizia nelle cause C-156/21 e C-157/21

SOMMARIO: 1. L’importanza “sistemica” del contenzioso. – 2. La legittimità del Regolamento condizionalità: una questione di tutela del bilancio. – 3. La legittimità del Regolamento condizionalità: è una questione di identità? – 4. Riflessioni conclusive.

Leggi »

EZIO PERILLO, Il rispetto dello “Stato di diritto europeo” alla luce delle sentenze Ungheria e Polonia sulla clausola di condizionalità finanziaria. Quali prospettive?

SOMMARIO: 1. Le sentenze “gemelle” sulla nozione di Stato di diritto. – 2. Le reazioni politiche e l’attendismo della Commissione. – 3. Il massiccio esodo ucraino verso la Polonia: quali conseguenze sul rispetto dello Stato di diritto? – 4. Stato di diritto come valore e/o Stato di diritto dell’Unione come principio? – 5. Segue: differenze di contenuto e di sindacabilità. – 6. Conclusioni: dura lex sed lex.

Leggi »

BLOGDUE | Il blog di AISDUE - Associazione Italiana Studiosi di Diritto dell'Unione Europea